STORIA

Egon von Furstenberg è nato a Losanna, nel 1946, da Clara Agnelli e dal principe prussiano Tassilo von Furstenberg.

Destinato ad una brillante carriera di Business Man, si iscrive, per volontà della famiglia, alla facoltà di Economia e Commercio di Ginevra.

Nel 1967 si trasferisce a New York dove inizia a lavorare alla Chase Manhattan Bank, ma poco dopo decide di dedicarsi alla sua vera grande passione "la moda e lo stilismo", iscrivendosi al Fit (Fashion Institute of Technology), scuola di moda e disegno.

Nel 1972 approda come Buyer nei grandi magazzini Macy's e nel 1975 debutta con una collezione dedicata all'over size, riscontrando grande successo.

Subito dopo esordisce con la sua prima collezione maschile di pullover e camicie, da lui disegnata e firmata per Bloomingdale's.

Nel 1983 si trasferisce in Italia aprendo la sua prima sede a Milano.

Il debutto nell'alta moda avviene nel 1991 con alcune preziose collezioni che trovano massima evidenza in importanti manifestazioni e sfilate, come "Donna sotto le Stelle". E' così che lo stilista si affaccia nel panorama romano decidendo di aprire il suo primo atelier nella capitale.

Grazie alla feconda creatività dello stilista, il marchio Egon von Furstenberg si afferma in tutto il mondo indirizzandosi verso molteplici settori e target di mercato.
Ma non è solo la moda ad interessare Egon: abbastanza eclettico, si occupa anche di televisione, prendendo parte a diversi programmi televisivi, fiction, cinema e letteratura, scrivendo il libro dal titolo "Il meglio del meglio", una guida al gusto di vivere nella qualità.

Una vita affascinante, una carriera in costante ascesa, costellata di successi e consensi a livello internazionale.

Purtroppo il cammino dello stilista si interrompe l'11 giugno 2004 con la sua prematura scomparsa. La mancanza di Egon Von Furstenberg lascia un segno indelebile nella moda, ma il suo nome non è destinato a scomparire da questo mondo che lo ricorda, lo onora e ne avverte l'assenza.